Velkommen!

Dopo un periodo completamente folle dovuto al quasi totale isolamento dalle persone care, fatta eccezione per i contatti skype, eccomi di nuovo qui in BlogGio´.

Bastava passare un po’ di tempo con alcune delle persone che rendono speciale la mia vita per sentirmi meglio… Incredibile l’importanza dei contatti umani, delle relazioni…

Adesso ho l’ennesima nuova prospettiva… Il cuore è risollevato e non mi sento più oppressa come la settimana prima di partire per le mie vacanze.

Avevo tirato un  troppo la corda senza pensare a me stessa, alle mie esigenze, ai miei desideri. Lavorare per gli altri, in questo caso mettere a disposizione mesi per fare qualcosa di buono, va benissimo, ma bisogna anche sapersi ritagliare i propri momenti di libertà.

Non si puo lavorare e basta. Bisogna anche avere il coraggio di dire “no” e di scegliere le persone con cui stare. Se una persona non mi va, non devo stare con questa per forza. Posso lavorarci, ma posso anche evitarla nei momenti di relax.

Da ieri pomeriggio sono nel bosco, in Activity centre, con gli altri houmaend, gli altri volontari di Houens Odde per l’ultimo campo scout prima del grande Jamboree che si terra a Skive alla fine di Luglio. Il team è davvero fantastico. Le parole d’ordine qui sono: lavorare, aiutarsi a vicenda nelle varie attività e divertirsi. Credo che il successo di un campo derivi proprio dal raggiungimento dei suddetti obiettivi. Se anche solamente uno di questi manca significa che qualcosa non è andato come avrebbe dovuto.

E’ incredibile come certe persone riescano a fare propri questi concetti e a trascinare in maniera del tutto naturale altri che, come me, in passato, non avevano quasi idea di che cosa fosse scoutismo.

Fino a prima di venire qui credevo fosse qualcosa incentrato solamente sul saper costruire utensili e andare a bivaccare con le tende nel bosco, arrangiandosi con quello che la natura mette a disposizione. Ma gli scout danesi e tunisini, ossia gli scout che ho avuto la fortuna di incontrare qui durante questa incredibile avventura, mi hanno insegnato che scoutismo è molto di più. E’ dare la possibilità a tutti di dare il proprio contributo, in base a quello che si è, ognuno con le proprie peculiarità.

Scoutismo è inoltre il piacere di stare in compagnia con altre persone, divertendosi in maniera semplice, non artificiale, avendo come complice la natura. E’ inoltre sapersi aiutare, mettersi a disposizione per costruire qualcosa insieme. Questo modo di fare scoutismo esalta l’individuo, la propria unicità senza però scadere nell’individualismo.

Parlando con Karsten, il mio capo, mi sono resa conto che qui in Danimarca il teambuilding che si fa con i businessman affonda le radici proprio nel concetto scoutistico di fare qualcosa per il gruppo, partendo da quello che si sa fare.

Quando tornerò a casa  avrò sicuramente un bagaglio esperienziale e culturale molto importate su cui riflettere e di cui fare davvero tesoro. Non capita a tutti di vivere quello che io sto avendo la fortuna di esperire.

Peccato a volte non me ne renda conto perché completamente offuscata dalle mie emozioni, paure, etc. ma d’altronde è quello che accade quotidianamente quando, scadendo nel proprio egoismo, ci si dimentica di quanto si è fortunati.

Insomma, qui ad Houens Odde è vita reale.

2 commenti su “Velkommen!

  1. Primo. 😛

    Abbiamo progetti diversi ma se siamo positivi a volte riusciamo a cogliere i frutti di quest’esperienza che a volte è veramente dura.
    Sto pian piano capendo quello che scrivevi molti mesi fa e devo dire che ancora una volta hai ragione. Non ho molto tempo per scrivere ma ti faccio con tutto il cuore un grande in bocca al lupo!

    A presto
    Fabio

  2. Carissima Giada…! Rieccomi anche io da questo viaggio fantastico attraverso la Danimarca…Difficile dire quel che ho provato…Ogni parola da parte mia rischierebbe di banalizzare quella che è stata un’esperienza irripetibile fatta di luoghi culturali importati, paesaggi incredibili e momenti di amicizia sincera tra una risata e l’altra…Grazie per aver dato anche a me, che finora son stato all’estero davvero con il contagocce, di vivere quest’esperienza straordinaria…Mi ha riempito il cuore di gioia vederti saltellare incredula appena imboccato con l’auto l’entrata dell’ Houens Hodde…Son felice di sapere che hai recuperato la forza di riprendere questa esperienza….Vai avanti senza fermarti! Ci vediamo ad Agosto;-) !!!

    Un abbraccio enorme!

    Enrique

Rispondi a Fabio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *