Emmaus, provocatori di cambiamento

Giovedì 14 dicembre la trasmissione Radio Volontariato ha avuto la possibilità di intervistare Piergiorgio Zecchin e Angela Pasini dell’Associazione “Comunità Emmaus” di Fiesso Umbertiano; un gruppo di volontari il cui impegno quotidiano consiste nell’accoglienza di persone in difficoltà, come senza fissa dimora o ex detenuti, consentendogli di collaborare attivamente con l’organizzazione.

Contrariamente a molti altri progetti di solidarietà, infatti, l’azione di Emmaus si distingue per la grande coesione e per il coinvolgimento dei partecipanti che, quindi, non ricevono passivamente un aiuto dai volontari, ma vengono coinvolti in prima persona nel lavoro dell’associazione e nella gestione del Mercatino solidale dell’usato (in passato a Fiesso Umbertiano ma oggi presso la sede di Santa Maria Maddalena), che finanzia l’opera della comunità e restituisce un valore ad oggetti altrimenti dimenticati.
Da vent’anni attiva sul territorio rodigino la comunità Emmaus si è dimostrata fedele al motto dell’associazione; dei “provocatori di cambiamento” con l’aiuto ed il supporto alle persone in difficoltà, dando nuova vita agli oggetti donati e avvicinando i cittadini alla realtà dell’associazione. “È un fare qualcosa per cambiare la società” afferma Piergiorgio Zecchin.

Un cambio di rotta che mira a coinvolgere anche i visitatori del Mercatino solidale dell’usato che, oltre a consentire alla comunità di mantenersi, rende un importante servizio ambientale con il riutilizzo di oggetti domestici ancora in buono stato. Un obiettivo perpetrato anche con la promozione e la gestione di un orto sinergico che, oltre a produrre alimenti nel totale rispetto della natura, consente ai bambini di approcciarsi all’agricoltura e alla terra in modo diretto e divertente.

Oltre a quest’attività ed in collaborazione con altre associazioni, Emmaus ha promosso in passato (e si ripropone di continuare anche quest’anno) cicli di conferenze per analizzare quei problemi della quotidianità che portano gli individui e, talvolta, anche le famiglie a sviluppare difficoltà economiche o sociali. Esempio emblematico, affrontato nella rassegna passata, è stato il gioco d’azzardo in quanto nuova forma di dipendenza, la cui crescita e diffusione, ci ha spiegato in trasmissione Angela Pasini, porta alla disgregazione dei nuclei familiari ed all’isolamento degli individui che ne rimangono assuefatti.

In questo particolare periodo dell’anno, attanagliato dal freddo e dal gelo invernale, l’opera di Emmaus si concretizza anche nel sostegno ai senza dimora, con il progetto “Emmaus incontra” che porta i membri dell’associazione direttamente a contatto con i bisognosi, nell’intento di alleviare la loro sofferenze e di offrire coperte, bevande e pasti caldi a chi non ha una casa ed è costretto a vivere per strasa. Un gesto di solidarietà reso possibile solo grazie all’intervento dei volontari, che con la loro partecipazione si sono impegnati a portare avanti il messaggio di Emmaus.

L’incontro, secondo Angela Pasini, tra persone ferite dalla vita e persone che provano vergogna perché non lo sono; un momento di scambio tra volontari e meno fortunati in un clima familiare e di allegria, perché, anche se la missione di Emmaus tocca individui in difficoltà, il volontariato presso questa associazione è molto divertente ed accresce ciascuno di esperienze nuove e particolari. Preziosi gesti di condivisione che Angela e Piergiorgio invitano a provare, muovendo anche un appello a partecipare alle attività di Emmaus, perché più sono i volontari, maggiori saranno i bisognosi che si potranno raggiungere, incrementando quel cambiamento positivo che l’associazione cerca costantemente di innescare.

Per info: emmausfiesso@gmail.com, www.emmausfiesso.it, 0425.754004

La comunità di Fiesso Umbertiano (RO) si trova in via Trento 297, mentre il Mercatino solidale dell’usato ha sede in via Maestri del lavoro 5 a Santa Maria Maddalena (RO).

Nicole, voltaria del Servizio Civile Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *