Volontari, l’anima degli eventi culturali

Fare volontariato negli eventi culturali e nei festival è una novità assoluta o, più semplicemente, uno dei tanti modi in cui le persone si rendono utili, migliorano la città, conoscono persone, imparano cose nuove e mettono a frutto ciò che già sanno?

Ieri sera, martedì 10 aprile, l’incontro “Fare volontariato negli eventi” nella sede del Centro servizi volontariato di Rovigo ha raccontato questa forma di impegno, che coinvolge migliaia di cittadini in tantissime iniziative in tutta Italia. Un’occasione anche per presentare gli eventi di maggio, che si avvalgono da tempo di una nutrita schiera di volontari, anche in questa occasione capaci di aggiungere all’evento quel calore umano ed entusiasmo che caratterizzano questo tipo di attività.

“La possibilità di essere volontari anche in festival ed eventi è forse poco conosciuta, eppure esistono esperienze strutturate da molti anni, come il Festival della letteratura di Mantova – spiega Francesco Casoni, conduttore dell’incontro – La natura di questa forma di impegno, in fondo, non è diversa dal volontariato più tradizionale: è utile alla comunità, è appassionante, è occasione per imparare cose nuove e stare con altre persone“.

All’incontro hanno partecipato rappresentanti di Rovigoracconta, il festival letterario in programma dal 3 al 6 maggio, del “Mercatino dei ragazzi” – grande festa delle associazioni che si terrà nel quartiere San Pio X, sempre il primo weekend di maggio – del Festival Biblico, rassegna di incontri ed eventi programmata tra il 16 e il 20 maggio in città, e infine di Rovigo Comics, longeva fiera del fumetto e del cosplay che animerà il centro storico rodigino dal 25 al 27 maggio.

“Come ogni anno, i nostri volontari sono una presenza importante, per accogliere il pubblico, fornire informazioni, aiutarci a far funzionare al meglio l’evento – spiega Sara Bacchiega dell’associazione Liquirizia, che promuove Rovigoracconta – La nostra particolarità è l’età: scegliamo volontari tra i 18 e i 35 anni. Questo negli anni ha consentito di creare un gruppo affiatato, di veri e propri amici, che restano in contatto anche dopo il festival”.

Giancarlo Brandolese dell’associazione Amici di Elena racconta, invece, l’esperienza del “Mercatino dei ragazzi”: “Siamo all’ottava edizione di quella che è una vera e propria festa, con il mercatino di giochi e oggetti usati, ma anche molti stand e attività di associazioni. Cosa fanno i volontari? Un po’ di tutto. Nel nostro caso sono davvero una presenza indispensabile. Ciascuno può contribuire a seconda delle proprie competenze, delle cose che sa fare o che vorrebbe fare”.

Per il Festival Biblico la parola va a Micaela Mazziero, animatrice di un gruppo di volontari molto attivi già nelle settimane precedenti all’evento: “Nel mese di maggio i volontari sono presenti agli Infopoint, grazie ai quali promuoviamo il programma del Festival e diamo informazioni, in concomitanza con le altre manifestazioni. Nei giorni del festival, poi, si può essere utili in moltissimi modi, collaborando all’organizzazione degli incontri e degli eventi”.

Infine per Rovigo Comics intervengono Andrea Visintin e Alberto Cavalieri dell’associazione Comic’s Trip: “Il nostro evento nasce proprio dall’impegno di un gruppo di volontari e appassionati, a cui si uniscono nel tempo vari amici e sostenitori. Siamo partiti in piccolo, facendo un passo alla volta, ma nelle ultime edizioni siamo cresciuti molto, con collaborazioni e ospiti di alto livello”. Durante il festival i volontari si occupano di tutto ciò che occorre, dall’accoglienza degli autori ospiti alle informazioni al pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *