Artinstrada spicca il volo grazie al progetto “Fly like an Eagle”

Artinstrada avvia una raccolta fondi a seguito dei terribili avvenimenti che hanno colpito duramente l’Albania, conosciuto anche come “Il paese delle aquile”, a causa di spaventosi terremoti di magnitudo 6.5 nel mese di novembre, seguiti poi da ulteriori 13 scosse di magnitudo 5.0 che hanno messo in ginocchio o meglio han “tolto le ali”, ma non il sorriso e la speranza a milioni di cittadini albanesi.

Artinstrada, che opera da 13 anni nel settore del volontariato portando gioia a bambini, anziani e disabili, oltre che nelle piazze per il semplice gusto di stare con la gente, avvia “Fly like an Eagle”, un progetto che sta completamente assorbendo le energie dei volontari assieme all’associazione culturale Veneto-Albania, partner in questa impresa cui obiettivi principali consistono nel formare i volontari locali, portare la giocoleria per risollevare il morale ai più giovani e dar loro nuovi strumenti per esprimersi al fine di non perdere la possibilità di essere bambini.  Ulteriori obiettivi sono costituiti nel donare materiale scolastico, poiché chi ha dovuto abbandonare tutto non trascuri il proprio futuro.

Carichi di giocattoli (e di sogni)

Un vero e proprio viaggio della speranza, che apporterà benefici insostituibili caratterizzati dall’amore e dalla passione che i giovani volontari utilizzeranno nei sei giorni che costituiscono il progetto (due di viaggio, due a Tirana e due a Durazzo) infatti: “l’idea è quella di partire entro maggio, ma ci serve l’aiuto di tutti” sostiene il volontario cui obiettivo consiste nel “permettere alle Aquile che abitano quella terra di volare di nuovo, più in alto di prima.”

Partenza prevista da Adria e Rovigo: sedi rispettivamente delle associazioni Artinstrada e Veneto-Albania. “Da qui partiremo, carichi non soltanto di sogni e strumenti del mestiere (e qualche mutanda di ricambio)” sostiene scherzosamente e ancora “soprattutto di giocattoli e materiale didattico, che abbiamo già iniziato a raccogliere durante le feste di Natale”.

Cosa ne faranno? “Il sisma ha danneggiato soprattutto le zone rurali attorno a Durazzo e Tirana, la capitale del paese. Per metterli in sicurezza, i bambini residenti nelle aree colpite sono stati ospitati presso strutture, alberghi e famiglie in queste due grandi città, per permettere loro di continuare a studiare e a crescere come prima.”

Artinstrada però non sarà sola infatti, sostiene il volontario, “questo lavoro non sarebbe stato possibile senza l’aiuto di tanti amici: Gruppo Alpini Adria, associazione Canottieri Adria, il Gruppo Fidas locale, Amici di San Francesco – Parrocchia della Tomba e ovviamente il Comune di Adria.”

Il progetto in due parole

Com’è strutturato il loro progetto?  “Per i bambini sono previsti spettacoli di giocoleria, animazione e scuola di circo perché possano divertirsi acquisendo nuove modalità espressive tramite l’arte di strada mentre per i giovani volontari saranno previste due giornate di formazione per dar loro qualche nozione in più sul volontariato, cosicché il progetto non s’interrompa con la nostra partenza ma sia spunto per l’auto-organizzazione e responsabilizzazione degli abitanti stessi.

Per la comunità intera vi saranno spettacoli serali di giocoleria, per divertirsi tutti assieme e ricordarsi che anche le peggiori difficoltà possono esser lasciate alle spalle almeno per una sera mentre per quanto concerne documentazione e testimonianza: raccolta di foto, video e interviste, per riportare a “casa” la situazione dei cittadini colpiti dal sisma”.

Al termine del sesto giorno verranno organizzate delle mostre “così da riportare a quanti non c’erano, a quanti ci hanno sostenuto, e anche a quanti non sapevano, quello che le persone e i luoghi che avremo incontrato avranno da raccontare”.

Sostieni anche te il progetto al link: https://www.produzionidalbasso.com/project/fly-like-an-eagle/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *