Impegno raddoppiato per l’Emporio solidale di Porto Tolle

Hanno raddoppiato la propria presenza, fatto rete con la Protezione civile e organizzato il servizio per rispondere alle nuove richieste, i volontari dell’Emporio della solidarietà di Porto Tolle, che anche durante l’emergenza non ha mai cessato di distribuire aiuti alle persone in difficoltà.

Si avvicina ai due anni di attività, il progetto avviato dall’associazione Solidarietà Delta già nell’estate 2018 nella frazione di Ca’ Venier, in via Teatro, e inaugurato ufficialmente sul finire dello stesso anno. L’emporio è di fatto una sorta di piccolo supermercato, dove è possibile trovare i principali prodotti di prima necessità. Anziché acquistarli, tuttavia, si possono ritirare tramite una tessera a punti, che viene rilasciata a chi ne ha effettivamente bisogno, dopo un colloquio al centro ascolto della Caritas di Porto Tolle.

Un modo molto concreto per consentire a persone e famiglie con problemi economici di rifornirsi di ciò che occorre per mangiare, ma anche di prodotti per l’igiene personale e della casa. I beni arrivano all’emporio grazie a vari canali, in parte comprati con il sostegno della Caritas e della Regione Veneto, in parte forniti dal Banco Alimentare. Due volte l’anno, inoltre, l’associazione organizza raccolte alimentari nei negozi di Porto Tolle e dintorni. In questo periodo il supermercato Alì di Ca’ Tiepolo mette a disposizione quanto raccolto attraverso la “spesa sospesa”, grazie alla generosità dei clienti.

Durante il lockdown le volontarie e i volontari dell’emporio si sono trovati a lavorare letteralmente il doppio, dovendo organizzare le richieste per via telefonica, il confezionamento dei sacchetti di spesa e la loro distribuzione, grazie alla collaborazione con la Protezione civile di Porto Tolle. Oltre ad aumentare i giorni di servizio, da due a quattro la settimana, si sono confrontati con un significativo aumento delle persone che hanno chiesto una mano: una decina le nuove tessere in aprile, la maggior parte abitanti del posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *