L’Osteria della gioia prepara la riapertura

Dovevano tagliare il nastro in aprile, ma il lockdown ha fatto slittare ulteriormente l’inaugurazione dell’Osteria della gioia, il bar e ristorante in cui alcune persone con disabilità potranno costruirsi un futuro come baristi, cuochi e camerieri.  Ora i volontari dell’associazione Amici di Elena lavorano per poter finalmente avviare questa esperienza di solidarietà e reinserimento lavorativo.

Nel frattempo, mentre tutte le attività commerciali e della ristorazione erano costrette a chiudere, volontari e ragazzi non sono rimasti con le mani in mano: i cuochi dell’Osteria della Gioia hanno continuato a cucinare i propri piatti, scambiando filmati per mostrare le loro esperienze in cucina. “Dalla prossima settimana sperimenteremo lezioni di cucina via Whatsapp, condotte dal loro formatore”, racconta Alberto Roccato, che cura il progetto fin dalle origini, quando partì come semplice scuola di cucina, con lo scopo di insegnare ad alcuni ragazzi con disabilità a gestire in autonomia queste piccole attività quotidiane.

Arrivati ormai ad un livello professionale, i ragazzi sono pronti a partire con il loro progetto. Mentre a Villanova del Ghebbo, nello spazio messo a disposizione dal comune, si stanno facendo i lavori sugli impianti, l’associazione è riuscita ad avere parte degli arredi in acciaio inox e dell’attrezzatura grazie ad alcune donazioni. Prosegue però la raccolta fondi per consentire di completare l’acquisto di tutto ciò che occorre per attrezzare la cucina: sul sito www.osteriadellagioia.it sono indicati i diversi modi per partecipare, oltre a tutte le informazioni sul progetto.

A quando l’apertura? “A fine giugno, tecnicamente, si potrà. Ma stiamo definendo le procedure specifiche per questo tipo di progetto”. Intanto, però, gli Amici di Elena lavorano per utilizzare lo spazio almeno per la formazione sul campo dei futuri protagonisti dell’Osteria.

(Foto di repertorio: Alberto Roccato con i ragazzi dell’Osteria della Gioia)

2 commenti su “L’Osteria della gioia prepara la riapertura

  1. I ragazzi, le persone che collaborano, Alberto Roccato che mette il cuore in ogni cosa che fa… davvero un luogo dove provare gioia… e la gioia sarà più piena magngiando piatti prelibati in questo bel luogo.

Rispondi a Luciano Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *