Avis Rovigo, confermata Cavallaro

L'assemblea dell'Avis comunale di Rovigo ha rinnovato il consiglio direttivo mercoledì 22 febbraio, confermando Barbara Cavallaro presidente. Francesco Agnoletto, 24 anni, è il nuovo vicepresidente.

L'importanza per l'associazione dei donatori di sangue di avvicinarsi ai giovani è confermata anche dai risultati ottenuti nel 2016, con 153 nuovi donatori effettivi: un aumento del 25% rispetto ai nuovi donatori nel 2015, che è stato ottenuto soprattutto grazie agli under 40.

Nella sua relazione, la presidente Cavallaro ha riconosciuto che il contributo delle nuove generazioni è fondamentale: "Donarsi agli altri è un'esperienza che può cambiare la vita, e l'associazione – ha spiegato – ha bisogno sempre di nuove energie per il suo continuo rinnovamento, senza mai smettere di guardare al suo passato associativo, che è fonte continua di ispirazione".

Alle molte iniziative nel 2016 organizzate e condivise a Rovigo e nelle frazioni (oltre 20 manifestazioni, con più di 5 mila persone coinvolte) insieme ad associazioni di volontariato, sportive e culturali, nel 2017 si sommeranno le attività nelle scuole condivise con Aido.

L'Avis in Polesine, ha sottolineato nel suo intervento il presidente provinciale Massimo Varliero, anche nel 2016 ha raggiunto il primato in Veneto per numero di donazioni ogni mille abitanti.

Il nuovo consiglio dell'Avis comunale di Rovigo è "ringiovanito", abbassando l'età media da 52 a 42 anni rispetto a quello eletto nel 2013, ed è formato insieme a Cavallaro e Agnoletto anche da Nicola Astolfi (segretario), Mattia De Poli, Mauro Grignolo (amministratore), Ornella Previato e Paolo Zamberlan.

Fonte: Avis comunale di Rovigo