Concluso il corso di inglese

Si è concluso venerdì 12 maggio 2017 il progetto di introduzione alla lingua inglese dedicato ai bambini di 5 anni della scuola dell’infanzia "F. Bottoni" di Papozze, promosso dall’associazione di volontariato Attive Terre, in collaborazione con l'Istituto Comprensivo Adria 1.

Il percorso, chiamato "Play, learn and grow together" (giocare imparare e crescere insieme) è stato ben accolto e ha visto il coinvolgimento di 20 bambini all’ultimo anno prima di entrare nella scuola Primaria in un percorso di 10 lezioni, dove hanno cominciato ad imparare un codice linguistico diverso da quello materno, attraverso un approccio sereno e giocoso con la lingua straniera: e riuscendo a conoscere termini inglesi del proprio nome, dei numeri, i colori e il nome gli animali.

I bambini hanno atteso con entusiasmo il ritorno delle due "teachers" dell’associazione, Alessia Andreello ed Elisa Giovannini, che con una breve cerimonia hanno proceduto alla consegna degli attestati a tutti. Alla stessa ha partecipato anche la vicepreside dell’Istituto Comprensivo Adria 1, Raffaella Miotto, e Federico Tivelli in qualità di rappresentante di tutti i genitori dei bambini della scuola "Bottoni". All’evento conclusivo del corso era presente anche il presidente di Attive Terre, Alessandro Andreello.

I bambini sono stati invitati a cantare le canzoncine imparate nel corso delle lezioni e, altre al diploma firmato anche dalla dirigente scolastica, Cristina Gazzieri, hanno ricevuto in regalo un accessorio utile per la scuola: un astuccio che rappresentava Londra come segno di continuità e di passaggio alla scuola primaria.

A conclusione in una atmosfera tipicamente inglese, al posto della classica merenda che la scuola propone, c’è stato un momento "Tea Time" appunto all’inglese, con tazze, salviette rosse e blu, emblematici dei colori della bandiera Inglese. Insomma: nulla è stato lasciato al caso! Un altro bel traguardo tagliato da Attive Terre per il mondo della scuola e per la crescita del territorio e di chi lo popola.