Focsiv cerca 54 giovani per un anno all'estero

Dopo i primi progetti sperimentali dei Corpi Civili di Pace avviati a giugno del 2017, è on line il nuovo bando per la selezione di 130 volontari da impegnare in azioni di pace non governative nelle aree di conflitto o soggette a rischio di conflitto o nelle aree di emergenza ambientale.

Nel bando appena pubblicato, Focsiv cerca 54 volontari da inserire nell’ambito di 15 progetti in 8 paesi: oltre ai confermati Ecuador e Perù, si aggiungono Albania, Senegal, Bolivia, Brasile, Colombia e la Palestina (in un progetto con capofila la Federazione SCS/CNOS  Salesiani).

Le aree d’intervento in cui opereranno i volontari nei progetti CCP FOCSIV riguarderanno situazioni di post conflitto, emergenze ambientali, educazione alla nonviolenza.
- In Bolivia, Ecuador e Perù i progetti mirano ad intervenire in situazioni di emergenza ambientale.
- In Albania, Senegal, Colombia, Brasile, Perù, Ecuador i progetti riguardano situazioni di post conflitto in cui i volontari opereranno nei diversi ambiti dell’educazione alla nonviolenza, protezione dei rifugiati, lotta alla discriminazione, educazione ai diritti fondamentali.

L'età richiesta è dai 18 ai 28 anni. Tra i requisiti, il possesso di un titolo di studio superiore e la conoscenza dell'inglese a livello B2 e di una seconda lingua funzionale al progetto. Ai volontari dei Corpi civili di pace spetta il trattamento analogo a quello dei volontari in Servizio civile, tra cui un compenso di 433,80 euro.

La domanda di presentazione con la relativa documentazione va presentata all’ente entro l’8 aprile 2019. Per maggiori informazioni, visitare la pagina www.focsiv.it/servizio-civile-volontario/ccp