L’estate delle Avis polesane

Luglio di intensa attività per l’Avis, l’associazione dei donatori di sangue, che in queste settimane continua a promuovere l’importanza di donare il sangue per garantire cure mediche e salvare la vita a persone malate.

Per coinvolgere soprattutto i giovani, è in arrivo “Avis Day”, una giornata speciale in occasione dei cinquant’anni dell’Avis regionale del Veneto, il 22 luglio a Gardaland: il parco divertimenti veronese accoglierà i donatori, i loro parenti e i loro amici da tutto il Veneto. Per partecipare, occorre rivolgersi entro il 13 luglio all’Avis provinciale di riferimento (per Rovigo: tel. 0425.35860 - info@avisprovincialerovigo.it). Il biglietto d’ingresso costa 25 euro ed è gratuito per i bambini sotto il metro d’altezza.

A Rosolina Mare prosegue il torneo di beach volley iniziato il 10 luglio e promosso dalle Avis di Adria, Porto Viro, Rosolina e Taglio di Po assieme alla Uisp. Mercoledì 11 e venerdì 13 luglio, dalle 20.00 nell’area sportiva del Primavera Beach si sfideranno squadre miste di uomini e donne. Un modo originale per far conoscere l’importanza di donare, specie tra i più giovani.

Ad Ariano nel Polesine, intanto, sabato 14 luglio, l'Avis locale e l'oratorio organizzano un "Nutella party" aperto a tutti, con giochi di gruppo e divertimento, dalle 16.30 nel cortile parrocchiale.

A Stienta, invece, venerdì 20 luglio si terrà una spaghettata in piazza Santo Stefano, a partire dalle 20.30, organizzata con l’amministrazione comunale per raccogliere fondi a sostegno dell’Avis locale.

Sempre venerdì 20 luglio, a Lendinara l’Avis “Gino Favaro” organizza una serata di beneficenza, dalle 21 in piazza San Marco. Ad animare l’evento il duo Karaoke Folies by Mony e Frank. La serata ha un doppio valore, perché sostiene l’associazione Azzurra Malattie Rare, che sostiene i malati e la ricerca su patologie rare e difficilmente curabili.

E a Guarda Veneta, dal 27 al 31 luglio ritorna la manifestazione "Sere d'estate", rassegna di spettacoli, musica e incontri, che da anni avvicina l'Avis alla cittadinanza (il programma è in via di definizione).