La prevenzione per non rischiare

Sabato 13 e domenica 14 ottobre 2018, in tutta Italia i volontari di Protezione Civile saranno in piazza per la campagna nazionale "Io non rischio", per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i cittadini sui rischi legati a terremoti, alluvioni, maremoti.

Due le città della provincia di Rovigo in cui si potranno incontrare i banchetti dell'iniziativa. Nel weekend i volontari della Croce Verde e del Gruppo comunale di Protezione civile di Adria saranno al centro commerciale "Il Porto".

A Porto Tolle, invece, in piazza Ciceruacchio a Ca' Tiepolo saranno presenti i volontari del Gruppo comunale di Protezione civile di Porto Tolle.

I volontari offriranno ai cittadini tutte le informazioni ut9ili per far conoscere i rischi che interessano i nostri territori e le misure di prevenzione da adottare in occasione di calamità ed emergenze. Sapere come comportarsi in circostanze pericolose - come ad esempio terremoti o inondazioni - può fare la differenza per salvare non solo la propria vita, ma anche quella di altre persone.

L’edizione 2018 di "Io non rischio" coinvolge oltre 3.400 volontari e volontarie appartenenti a 532 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia. L'elenco completo delle piazze è alla pagina http://iononrischio.protezionecivile.it/io-non-rischio/dove-si-svolge

Nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico, la campagna è promossa dal Dipartimento della protezione civile con Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze), Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) e Reluis (Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica). L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra (Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), Ogs (Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale), AiPo (Agenzia Interregionale per il fiume Po), Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

Sul sito www.iononrischio.it è anche possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto, un maremoto o un’alluvione.