Cambia la "Spazza corrotti"

Gli enti del terzo settore non saranno equiparati a partiti e movimenti politici, per quanto riguarda gli obblighi di trasparenza. E' passata al Senato la modifica alla cosiddetta legge "Spazza Corrotti" (legge n. 3 del 9 gennaio 2019), che equiparava le organizzazioni politiche a fondazioni, associazioni e comitati.

Gli enti del terzo settore - Organizzazioni di volontariato, Associazioni di promozione sociale e Onlus - assolvono già agli obblighi di trasparenza, iscrivendosi al registro unico nazionale del terzo settore (Runts). E' previsto l’esonero dagli obblighi anche per le fondazioni, le associazioni e i comitati appartenenti alle confessioni religiose.

Per le organizzazioni non iscritte al Registro unico del terzo settore restano dunque gli obblighi di trasparenza, ma la modifica rivede i criteri di equiparazione ai partiti. E' necessario che gli organi direttivi o di gestione siano composti per almeno un terzo da membri di organi di partiti o movimenti politici, oppure persone che siano o siano state, nei 6 anni precedenti, membri del Parlamento nazionale o europeo o di assemblee elettive regionali o locali ovvero persone che ricoprano o abbiano ricoperto, nei 6 anni precedenti, incarichi di governo al livello nazionale, regionale o locale.

Rispetto al testo precedente, inoltre, nelle assemblee elettive e negli organi di governo locali sono considerati solo quelli appartenenti a comuni con più di 15.000 abitanti.

Fonte: CsvNet