Riforma del Terzo Settore

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha annunciato la Riforma del Terzo Settore. Le linee guida della riforma sono consultabili on line e possono essere oggetto di proposte e suggerimenti da parte di cittadini, associazioni, utenti del non profit.

Tra le proposte più innovative, l'istituzione del Servizio civile universale, aperto a 100.000 giovani l'anno, compresi gli stranieri. Durerà dagli 8 ai 12 mesi e sarà di fatto un potenziamento e una stabilizzazione del Servizio Civile Nazionale.

Altra novità, l'eliminazione del tetto di spesa massimo per il 5 per mille, che sarà dunque destinato interamente agli enti beneficiari. Contestualmente, è previsto il riordino della fiscalità a vantaggio del Terzo Settore e l'istituzione di alcuni nuovi trattamenti fiscali in favore ad esempio della finanza etica, regole per favorire la massima trasparenza dei bilanci per chi beneficia del 5 per mille, la semplificazione di alcune procedure amministrative.

Tra gli obiettivi, anche nuovi criteri per l'assegnazione dei beni confiscati alla mafia e alla criminalità organizzata, con un maggior coinvolgimento delle associazioni nella gestione dei beni. Più in generale, il Governo si pone l'obiettivo di riorganizzare le varie leggi in ambito civile e fiscale, nonchè le leggi specifiche sul Terzo Settore, per arrivare ad un Testo Unico.

Per inviare le proprie osservazioni, suggerimenti e proposte, occorre scrivere all'indirizzo e-mail terzosettorelavoltabuona@lavoro.gov.it.

Le consultazioni sono aperte fino al 13 giugno 2014. Il disegno di legge delega sarà approvato dal Consiglio dei Ministri il 27 giugno 2014.

Allegati:
- Linee guida per una riforma del Terzo Settore (.pdf)