Nihal un' Associazione contro le dipendenze di oggi

Il tema delle droghe e della loro diffusione, in particolare tra i giovani, è stato al centro delle cronache e delle polemiche dell’estate. Ma i problemi non scompaiono quando si spengono i riflettori. Di dipendenza e consumo di sostanze – droghe, alcol, fumo e altri fattori di dipendenza – parliamo con l’associazione Nihal di Rovigo, ospite della seconda puntata di settembre di Radio Volontariato.
 A raccontarci la genesi di questa “giovane” associazione è la presidente, Mirella Zambello: nata nel 2013 per occuparsi di chi ha problemi di dipendenza da sostanze, offre informazioni, fa sensibilizzazione contro i pregiudizi, offre sostegno alle persone con problemi, collabora con il Centro diurno del Sert di Rovigo.
“Un impegno importante è quello contro i preconcetti – spiega la presidente – anche lavorando con le associazioni del territorio c’è il problema di favorire l’accompagnamento e il reinserimento di queste persone”.
 Marcello Mazzo, tra i fondatori dell’associazione, oltre che direttore del Sert rodigino, racconta in sintesi la complessità del fenomeno dipendenze: “Se ne parla sempre per intervenire su un’urgenza, ad esempio perché accade un fattaccio. Occorre invece affrontarlo con pacatezza, evitando di lanciare spot per poi sparire, come fa spesso la politica”. Sono circa 460 mila le persone con problemi di dipendenza in tutta Italia. “Ma è un numero che non dice nulla. Il grosso problema sono i consumatori di sostanze, fenomeno ancora più importante se parliamo anche di sostanze legali come alcol e tabacco”. Il consumo di alcolici, racconta Mazzo, aumenta in particolare tra i giovani, ma sta mostrando una recrudescenza anche tra gli over 65. “Questi fenomeni vanno affrontati con un’attività educativa”, commenta, aggiungendo che occorre anche un continuo aggiornamento sulle forme sempre nuove di dipendenza: gioco d’azzardo patologico, shopping compulsivo, uso di internet sacrificando le relazioni sociali, consumo di farmaci. “Le principali problematiche, comunque, restano ancora l’alcol e le droghe”. Mirella Zambello, infine, ricorda come l’associazione proprio in queste settimane proponga un corso di formazione aperto a volontari ed aspiranti volontari: la prima lezione è il 19 settembre e tratterà delle dipendenze in contesti di povertà ed emarginazione sociale. Il corso proseguirà in ottobre per concludersi a novembre. Il programma è anche sul sito www.csvrovigo.it. In studio, come sempre, Francesco Casoni e Giulia Ranzani del Centro servizi volontariato di Rovigo.

Radio Volontariato è in onda su Radio Kolbe ogni lunedì alle 21.30, il mercoledì alle 17.05, il venerdì alle 10.00

Ascolta la puntata >