"Social Day" alle medie di Porto Tolle

L'aula magna delle scuole medie di Porto TolleIl volontariato, raccontato dal punto di vista dei ragazzi, è stato al centro del "Social Day", la giornata dedicata alle associazioni, che si è svolta stamattina, 21 gennaio 2016, alle scuole medie di Porto Tolle.

Nell'affollata aula magna dell'istituto "Brunetti", decine di ragazzi di tutte le classi hanno seguito gli interventi dei propri compagni di classe, dedicati al mondo del volontariato. Gli studenti delle classi seconde, infatti, nelle scorse settimane hanno visitato alcune associazioni locali, conoscendo direttamente i volontari, le persone e i temi di cui si occupano, le attività che svolgono. Stamattina, otto di loro hanno preso il microfono per raccontarlo all'intera scuola. Nel corso della mattinata, dunque, si sono alternati gli interventi e le testimonianze di Marco Bergo, Devis Bertaggia, Elisa Bortolotti, Nico Casellato, Aurora Donà, Genny Marangon, Matteo Travaglia ed Elisa Trombin.

Diverse le associazioni raccontate con parole, suggestioni e immagini: Solidarietà Delta, comunità di accoglienza per tossicodipendenti, Luce Sul Mare, che con la cooperativa Titoli Minori gestisce un centro per persone con disabilità, l'Acat, che coordina famigliari di persone con problemi di alcolismo, l'associazione Ama Polesine che affronta il problema del gioco d'azzardo e infine l'associazione I Calabroni, composta da giovani di Porto Tolle, che promuove attività per i giovani. Tutte realtà locali, che gli studenti hanno potuto toccare con mano nel corso delle visite e degli incontri. Fondamentale il lavoro svolto dai volontari, che, oltre ad accogliere i ragazzi, li hanno anche aiutati a preparare i loro interventi.

Al termine della mattinata, inoltre, sono stati consegnati alla Caritas diversi scatoloni di beni alimentari, raccolti tra i ragazzi dell'istituto. Saranno donati a famiglie in difficoltà del territorio comunale. E' stato, infine, esposto un grande albero di legno, realizzato nel corso della visita di alcuni studenti al centro "Un ponte per..." di Luce Sul Mare: appese ai rami, alcune mele colorate riportano le emozioni vissute dai partecipanti, scritte di loro pugno.

L'incontro è stato introdotto da Francesco Casoni del Centro servizi volontariato di Rovigo, che ha ragionato con i ragazzi sulle motivazioni che spingono le persone ad associarsi e fare volontariato. La dirigente Gabriella Di Mascio ha espresso soddisfazione per l'evento: "E' importante parlare di volontariato a scuola. Credo che le testimonianze dei ragazzi siano l'aspetto più importante. Sono state emozionanti". Il docente Vincenzo Boscolo Bariga, che coordina il progetto, ha sottolineato come questa iniziativa "ci offra l'occasione di aprire gli occhi a 360 gradi e una grande possibilità di arricchimento personale, attraverso la condivisione delle esperienze".

Nelle foto: alcuni interventi della mattinata e la presentazione dell'albero realizzato dagli studenti al centro "Un ponte per..."