Consulenze

Invio del modello EAS 2017

Entro il 31 marzo 2017 le Associazioni che, nel corso del 2016, hanno modificato aspetti rilevanti delle proprie attività e statuti sono tenute ad inviare un nuovo modello EAS all’Agenzia delle Entrate. L'invio va effettuato per via telematica.

Software e tecnologia per le non profit

L'organizzazione TechSoup mette a disposizioni delle organizzazioni non profit italiane software, tecnologia e strumenti informatici gratis o a prezzi molto ridotti, dal pacchetto Office agli antivirus, fino agli strumenti di Google per il Non Profit.

Variazione del consiglio direttivo e modello EAS

Se il consigliere di un'associazione si dimette poco tempo dopo l'elezione, è necessario compilare nuovamente il modello EAS, che andrà inviato entro il 31 marzo. Non è necessario se, invece, è cambiato solamente il presidente.

Inail per i Lavori di pubblica utilità

Le persone che svolgono attività riparativa per un reato in un'associazione (Lavori di pubblica utilità, messa alla prova) devono avere l'assicurazione anti infortuni. Il costo, però, sarà rimborsato grazie ad un fondo del Ministero del Lavoro.

Esenzione del bollo auto

Anche quest'anno, le associazioni di volontariato che posseggono mezzi per il trasporto disabili e anziani, possono chiedere l'esenzione della tassa automobilistica alla Regione Veneto, inviando l'apposito modulo alla Direzione servizi sociali.

Attivare una casella PEC

Avere una casella di posta elettronica certificata (PEC) è una soluzione molto vantaggiosa per un'Associazione di volontariato. In alcuni casi, può costituire un obbligo per rapportarsi con enti e istituzioni. Come fare per richiederla?

Regolarizzazione del modello Eas

Gli enti che non hanno ancora provveduto a inviare il modello Eas all'Agenzia delle Entrate possono provvedere entro il 30 settembre 2016 a regolarizzare la propria situazione. E' prevista una sanzione di 258,00 euro.

5 per mille: sanatoria entro il 30 settembre

Le associazioni che non hanno provveduto agli adempimenti previsti per richiedere il 5 per mille per l'anno 2016 hanno la possibilità di regolarizzare la loro posizione, versando una sanzione di 258 euro entro il 30 settembre 2016.

Volontari per il terremoto, i permessi di lavoro

Un datore di lavoro è tenuto a far usufruire permessi al proprio dipendente, se impegnato come di volontario di Protezione Civile in interventi di soccorso e di assistenza. Il datore può in seguito chiedere alla Protezione Civile il rimborso della retribuzione erogata.

5 per mille, l'elenco diventa stabile

Dal 2017 non sarà più necessario, per le associazioni interessate a beneficiare del 5 per mille, presentare ogni anno la richiesta di iscrizione agli elenchi. Lo stabilisce il Decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 agosto 2016.

Pagine

Subscribe to Consulenze